I software per agenti di aiutano il professionista nell’incontro con il cliente e grazie al CRM ne favoriscono la fidelizzazione.

CRM Recenti studi condotti dalla società IDC (Internation Data Corporation), specializzata in ricerche di mercato, hanno mostrato come il 70% degli utenti che scelgono di acquistare un prodotto o un servizio reputino l’esperienza un elemento fondamentale per la fidelizzazione.

L’importanza data all’elemento dell’esperienza va considerato non solo come suggerimento delle strategie commerciali ma anche come indicatore di un mondo in perenne divenire.

Siamo davanti, infatti, ad un cambiamento considerevole per quanto riguarda la concorrenza: sono presenti sempre più prodotti o servizi molto simili tra loro, con molteplici varianti che non si differenziano più nemmeno per il prezzo. Queste aziende concentrano gli sforzi commerciali nell’offrire un’esperienza di acquisto che porti i consumatori non solo ad essere soddisfatti di quanto acquistato ma che conduca al riacquisto e, perché no, alla fidelizzazione.

CRM vendite e Buyer Personas: un nuovo strumento per vendere

Nel prossimo futuro i diversi attori presenti sul mercato si dovranno contendere i clienti e per farlo punteranno sull’unico elemento distintivo attualmente presente: il processo di acquisto.

Pensiamo ora a quanto questo aspetto della concorrenza possa influenzare il lavoro degli agenti di commercio, principali interlocutori del cliente nel corso dell’intero processo. La figura professionale dell’agente è una costante: dall’identificazione del bisogno alla valutazione e poi alla scelta da compiere tra le diverse alternative.

In supporto a questo genere di attività arriva la tecnologia: il CRM ad esempio è uno strumento di fondamentale importanza per supportare la vendita.

Il CRM ti aiuta a individuare il cliente da evitare: scopri come

Ma perché il CRM ricopre un ruolo così strategico? La risposta va legata al concetto introdotto prima. Il CRM mette a disposizione dell’agente una serie di informazioni che possono riguardare lo storico ordini, il fatturato, l’andamento delle vendite, la tipologia di prodotti acquistati, etc etc. Ma non solo questo: a volte conoscere il compleanno del referente interno è un’occasione per fare una chiamata ed esprimere vicinanza e attenzione da parte del fornitore.

Quanto è prezioso questo? Moltissimo, provare per credere.